Cosa stanno preparando le aziende espositrici per il prossimo Simac Tanning Tech?

31 Luglio 2021

Contenuto esclusivo

Fai login o registrati per continuare a leggere

Mancano due mesi all’apertura della prossima edizione della fiera internazionale di tecnologie per i settori pelle, calzatura, pelletteria e la domanda di rito è sempre la stessa. Abbiamo provato a chiedere direttamente agli organizzatori e ad aziende espositrici alcune anticipazioni di cosa vedremo in fiera e nelle risposte abbiamo registrato alcune note importanti.
Innanzitutto un consolidamento dei prodotti e delle tecnologie più rappresentative da parte delle singole aziende con particolare attenzione alla “sostenibilità”. Fin qui nulla di veramente nuovo se non nel fatto che si ricercano soluzioni tecnologiche che rispondano concretamente alla problematica e permettano alle aziende utilizzatrici di raccogliere dati oggettivi e diretti sulla riduzione dei consumi energetici, dell’impiego di risorse e degli sprechi.
In seconda battuta la tematica legata all’automazione, ormai sempre più collegata alla digitalizzazione. E’ in crescita il fabbisogno informativo delle aziende manifatturiere di tutti i settori, e naturalmente anche i settori della filiera pelle e moda hanno ben focalizzato i loro obiettivi nella ricerca delle informazioni su più livelli: quello tecnico legato al processo produttivo, quello relativo alla qualità e alla tracciabilità del prodotto e del semilavorato, comprensivo dell’insieme di documenti e prove, e infine quello di controllo e di gestione dei parametri che influenzano la gestione e gli aspetti amministrativi ed economici.
Infine la tematica della flessibilità e della semplicità d’uso. L’industria, oggi più che mai, richiede macchine e attrezzature che rispondano facilmente alle operazioni richieste, dove l’operatore non deve avere particolari competenze e dove la versatilità ne permette l’impiego sia in piccoli e medi laboratori sia nelle grandi produzioni. Altra caratteristica riportata è la minima e semplificata manutenzione, compresi gli interventi tecnici più complessi attuati tramite istruzioni a distanza.
Si tratta in generale di innovazioni con caratteristiche strettamente collegabili ai mutamenti tecnologici in atto nella sensoristica, nella meccatronica e nella miniaturizzazione dei componenti installati nelle macchine.
Ma non è tutto. E non poteva esserlo.
Quello che si sta muovendo a livello di trasformazione tecnologica probabilmente non è visibile a livello superficiale ma si nasconde e si evolve nel profondo. Le aziende sono sempre più consapevoli che per fornire la giusta tecnologia è indispensabile sapersi muovere sia all’interno della propria filiera per comprenderne le necessità e fornire le risposte, sia all’esterno creando alleanze e network strategici per il trasferimento di soluzioni in uso in altri settori.
In altre parole non esiste l’innovazione che va bene per tutti, la vera innovazione in mostra alla prossima edizione di Simac Tanning Tech è quella che la mia azienda non aveva ancora applicato e che rappresenta la risposta ai miei problemi. Quando ci rechiamo dal dottore non domandiamo quali nuovi farmaci esistono ma cominciamo a raccontare nel dettaglio i nostri sintomi. Con la stessa logica il visitatore deve confrontarsi con il fornitore di tecnologia e insieme individuare una soluzione già presente o studiarne una nuova.
Il 22 settembre a Rho Fiera Milano sarà “back to the fair” anche dal punto di vista di presentazione delle tecnologie. Chi avrà l’opportunità di muoversi tra gli stand potrà osservare quanto visibile e potrà indagare le potenzialità di sviluppo delle tecnologie all’interno del proprio processo produttivo.


SimacTanningTech| 2021

Altre notizie